Frosinone BRUTTA (247) Frosinone BELLA (219) PM10 (65) ACEA ATO5 (50) ANNUNCI IMPORTANTI (37) Terme Romane (32) Ambiente ed inquinamento (28) “RR” - Risolti (24) Il fiume Cosa (21) Sanità (17) Villa Comunale (14) #BASTACEA (12) Frosinone Calcio (11) Frosinone Bella e Brutta (10) Progetto Acqua comune (10) Comunicazioni Ass. FR BeB (8) Proposte (8) Mobilità sostenibile (7) Pedalata Ecologica (7) Piedibus (6) Associazione Medici di Famiglia per l'Ambiente (5) Cavoni 2 (5) FRANE (5) La Radeca (5) La Uespa (5) Raccontando (5) Rotatorie (5) Via Casone (5) Acqua (4) Discarica (4) Piste Ciclabili (4) Salviamo il paesaggio a Frosinone (4) Via Don Minzoni (4) Albero della Pace (3) Chiesa Madonna della Cercia (3) Tombe Allagate (3) WI-FI (3) Alberi (2) CANI (2) Carnevale (2) Cartoline di Frosinone (2) Cavoni (2) Cittadino Volsco (2) Coordinamento Interprovinciale (2) Differenziata (2) GASP (2) I Piloni (2) Multiservizi (2) Registro dei tumori (2) TARI (2) Uiente aculone (2) ARPA LAZIO (1) ASL (1) ASSEMBLEA ASPIRANTI SINDACO (1) AVIS (1) Africa (1) Albo Pretorio Comune Frosinone (1) Alex Zanotelli (1) Auguri (1) Ballarò (1) Bici (1) Biomasse (1) Bookcrossing (1) Buon Natale (1) CODACONS (1) COTRAL (1) Clochard (1) Consigli Comunali (1) Critical mass (1) DOSSIER (1) Decoro Urbano (1) Derby (1) Dissuasori (1) EMERGENZA NEVE (1) FAI - I Luoghi del Cuore: Certosa di Trisulti (1) Farmacia di turno (1) Formaggio (1) Frosinone che vorrei (1) Gioia Spaziani (1) Inceneritori (1) Incontro Associazione (1) Luciano Sperati (1) Marina Arduini (1) Matteo Battisti (1) Morganti (1) Museo (1) Nefandezze (1) Nordic Walking (1) Nuova Piazza M. della Neve (1) Nuovi Ambiti di Bacino (1) Orti (1) PETIZIONE online (1) Pesicidi (1) Petizione (1) Piante anti smog (1) Piante curative (1) Premio Cocco (1) RIFIUTI (1) Raeeporter (1) Recita a Cavoni (1) Riciclo (1) Risarcimento (1) Rischio sismico (1) SIN Valle del Sacco (1) SegnalACI (1) Stadio Benito Stirpe (1) TARES (1) TRUFFE (1) Tecchiena Bella (1) Tensostatico (1) Tesori abbandonati (1) VOTA il BLOG (1) Valerio nel cuore (1) Vittime della strada (1) ambiente (1) amici (1) senzatetto (1)

venerdì 4 agosto 2017

- Emergenza bacino del fiume Sacco: 2 pesi e 2 misure???

- In un terreno adiacente la sponda del fiume Sacco, in territorio di Ceccano, si
nota un cartello che lascia chiaramente interpretare che la zona è interdetta
alla 
coltivazioni, pascolo e movimento terra, mentre si notano balle di fieno... -
Il 5 giugno c.a., con il Coordinamento Interprovinciale per Ambiente e Salute della Valle del Sacco e Bassa Valle del Liri, abbiamo inoltrato una denuncia con richiesta di indagini, corredata di testimonianze fotografiche, al Gruppo Forestale Carabinieri di Frosinone. Tale denuncia si è resa necessaria in quando un'azienda del luogo, trasferiva le balle di fieno nella proprio allevamento ed aveva destato preoccupazione in una cittadina di Ceccano che fa parte del Coordinamento, sospettosa che le stesse sarebbero finite nella catena alimentare di produzione di tale azienda, (vedi denuncia in parte nel documento che segue poiché abbiamo omesso alcuni riferimenti anagrafici per la privacy...).



- Parte del documento di denuncia -



*************

     Con le indagini ancora in corso, da parte degli organi preposti, siamo venuti a conoscenza di un'incongruenza, rispetto alla precedente perimetrazione sulla interdizione ad uso agricolo e zootecnico riguardo alle aree ripariali e di esondazione lungo l’asta fluviale del fiume Sacco.

     Nello specifico, risulta nella Direttiva n.2 del 09/09/05, Prot. 196/05, Art. 1 Com. 3a, (allegato 1) che per i comuni da Colleferro a Supino,
Nelle aree perimetrate è fatto divieto di coltivazione di specie vegetali per l’alimentazione umana e animale”, mentre, nella disposizione n. 226 del 19 novembre 2010 prot. 2035/10, (allegato 2), si evince che per i Comuni compresi da Frosinone a Falvaterra (quindi anche per Ceccano)  che sono altrettanto aree ripariali e di esondazione, "non esiste interdizione nelle coltivazioni di specie vegetali per l’alimentazione umana e animale".

     IN TUTTO CIÒ APPAIONO ALLARMANTI ED EVIDENTI 2 PESI E 2 MISURE CHE CI HANNO SPINTO AD INOLTRARE AL MINISTERO DELL'AMBIENTE  ED ALL'ASSESSORATO AMBIENTE E RIFIUTI DELLA REGIONE LAZIO, LA PROPOSTA DI ESEGUIRE COME PRINCIPIO PRECAUZIONALE, FINO ALLE SUCCESSIVE CARATTERIZZAZIONI, L'INTERDIZIONE ALLA COLTIVAZIONE ANCHE NELLE AREE RELATIVE ALLA DISPOSIZIONE N. 226, OLTRE A VERIFICARE LA PRESENZA DEI CARTELLI SEGNALETICI E FARLI RIPRISTINARE OVE RIMOSSI. SI È CHIESTA ANCHE L'INTERDIZIONE ALLA PESCA (allegato 3).

Restiamo in attesa con ottimismo e fiducia...... e vi terremo informati.

giovedì 3 agosto 2017

- Campagna di NE’ SI BRUCIANO NE’ SI PAGANO, I RIFIUTI SI DIFFERENZIANO! Invitati i consiglieri comunali



*****
Campagna di NE’ SI BRUCIANO NE’ SI PAGANO, I RIFIUTI SI DIFFERENZIANO!, volta alla commisurazione del giusto tributo da pagare per la TARI 2017 e per la quantificazione del rimborso della TARI per gli anni precedenti alla luce della effettuazione del servizio di gestione dei rifiuti in grave violazione della disciplina di riferimento, come previsto dall’articolo 24 e dall’art.13 del Regolamento per l’applicazione della tassa sui rifiuti Tari.
Negli anni si è verificata una insufficiente e peraltro mai progressiva raccolta differenziata rispetto ai livelli annunciati previsti nel Capitolato di gara per l’affidamento dei servizi spazzamento, raccolta e trasporto dei rifiuti urbani ed assimilati e dei servizi complementari di igiene urbana (CAT.16 CPC 94), anno 2005, dove si prevede, art.34 Raccolta differenziata dei rifiuti urbani, di rispettare gli obblighi previsti dal d.to l.vo 22/97, aggiornato dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152
La performance di differenziata realizzata sono noti (dati ufficiali Istat): nel 2009 per il 15,3% sul totale dei rifiuti raccolti, nel 2010 al 16,8%, nel 2011 al 17,8%, nel 2012 al 17,3%; nel 2013 al 16%; nel 2014 18,52%; nel 2015 al 18%;
Tale situazione comporta un ingiustificato costo per la causale “tariffa smaltimento rifiuti”, nonché per il conferimento, presso gli impianti di produzione del combustibile derivato da rifiuti, del materiale che avrebbe potuto essere destinato alla raccolta differenziata, con conseguente aggravio dei costi componenti la tariffa, stabilita con delibera di giunta n.14 del 30/3/17 attraverso l’allegato piano finanziario 2017.
Tale iniziativa è promossa da un costituendo “sportello anticrisi” che vede una serie di associazioni e comitati organizzarsi per comprendere, bloccare, difendersi dalla pressione delle istituzioni che scaricano sui cittadini gli oneri, i costi, i disservizi, i profitti, delle privatizzazioni dei beni pubblici.
______
I due moduli per l'autoriduzione e per chiedere indietro l'80% dei pagamenti degli anni precedenti (massimo 5), li metteremo a disposizione dopo l'incontro con i consiglieri comunali, (sono stati tutti invitati a partecipare insieme alla stampa), programmato per martedì 8 agosto, alle 20.30, presso la casetta di legno, nella piazza dei Cavoni.
______ 

     "Prima di avviare la campagna, con il Coordinamento Interprovinciale per Ambiente e Salute della Valle del Sacco e Bassa Valle del Liri, insieme ai promotori dell'iniziativa, "Ass. Oltre l'Occidente", abbiamo ritenuto opportuno programmare un incontro con tutti i consiglieri comunali, per coinvolgerli e condividere le azioni alle quali daremo corso subito dopo l'incontro.     Tale incontro al quale abbiamo invitato anche gli organi di stampa, si terrà il prossimo martedì, 8 agosto, alle ore 20.30, presso la casetta di legno nella piazza dei Cavoni".

______


da L'Inchiesta del 09/08/2017 - Frosinone, rifiuti e Tari. Le associazioni all’unisono: «L’imperativo è differenziare»




_________________

Da L'Inchiesta del 10/08/2017 - Dopo la riunione di martedì - Rifiuti, al via la campagna promossa dai comitati e dalle associazioni cittadine



Il nostro scopo, ovvero, lo scopo del COORDINAMENTO INTERPROVINCIALE PER AMBIENTE E SALUTE DELLA VALLE DEL SACCO E BASSA VALLE DEL LIRI, è stato quello di illustrare ai presenti ed in ogni dettaglio, la questione rifiuti, con la modestia di chi non è esperto ma che si documenta ed approfondisce per il bene comune.... 
Abbiamo riscontrato con immenso piacere, infatti, grande interesse dalle parti politiche presenti, per esserne venute a conoscenza... consapevoli di non conoscere bene a fondo la materia ed i particolari di tale grave situazione!!!


Nell'incontro dell'8 agosto si è deciso che le prossime azioni che tutti insieme intraprenderemo, saranno incentrate con priorità sulla diffusione capillare dell'informazione, affinché i cittadini possano comprendere con chiarezza sintetica il problema legato alla TARI e procedere sia al pagamento ridotto che alla richiesta dei rimborsi degli anni precedenti, come previsto da regolamento.


A settembre partiremo con una grande campagna d'informazione ed azioni mirate.
CONTINUATE A SEGUIRCI PER ESSERE AGGIORNATI....!!!!

__________

sabato 22 luglio 2017

- Chiesa Madonna della Cercia: Istruzioni per innaffiatura siepe e piante anti smog

PER I VOLENTEROSI CHE VOGLIONO COLLABORARE A CONSERVARE UN PATRIMONIO STORICO DI FROSINONE.

Procedimento da adottare fino a quando il comune di Frosinone non ci farà installare da ACEA, una presa d'acqua per irrigare, (per quanto non piove, altrimenti ci sono i serbatoi di raccolta acqua piovana...).

1 - Passare al Café Madrid Cavoni a prendere le chiavi per accedere in chiesa


2 - In una fontana pubblica (o sotto curva sud Matusa o edicola semaforo via Fabi - Via Marittima), riempire i propri contenitori


3 - Versare l'acqua nel fusto con rubinetto


4 - Prendere il carrello con tubo all'interno della Chiesetta



5 - Aprire e togliere il lucchetto rubinetto con chiave che fa parte  del mazzo


6 - Inserire l'innesto rapido al rubinetto


7 - Srotolare il tubo dal carrello, aprire il rubinetto e.... prendersi cura di non provocare strozzature al tubo


Luciano Bracaglia




8 - Innaffiare alla base delle piante tenendo il tubo basso, poiché l'acqua arriva a caduta per effetto dei vasi comunicanti. Questo, fino a quando il comune non ci metterà in condizione di attaccarci alla condotta pubblica.....
Giovanni D'Amico


Se non si innaffia giornalmente, le piante finiscono così... Speriamo di salvarla la nostra cercia....




*****

Una nota di cronaca

Questa notte, 22/07/2017, qualche sprovveduto che li dietro ci viene per bucarsi, (troviamo spesso siringhe e vario materiale con residui ematici), ha pensato bene, per qualche misero spicciolo, di sfondare la porta e forzare il contenitore di monete del candeliere, anche danneggiandolo. Don Sosio, lo ha tolto e portato con se a Santa Maria Goretti. Sono intervenuti i carabinieri per i rilievi del caso.


venerdì 21 luglio 2017

- Rompiamo il silenzio sull'AFRICA di ALEX ZANOTELLI

Alex Zanotelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alessandro Zanotelli
Padre Alessandro Zanotelli, più noto come Alex Zanotelli (Livo26 agosto 1938), è un religiosopresbitero e missionarioitaliano, facente parte della comunità missionaria dei Comboniani.
È l'ispiratore ed il fondatore di diversi movimenti italiani tesi a creare condizioni di pace e di giustizia solidale.[1]
Il 23 settembre 2013 gli viene conferita la laurea honoris causa in Giurisprudenza presso il Dipartimento Jonico in "Sistemi giuridici ed economici del Mediterraneo: società, ambiente, culture» dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro.
È direttore, sin dalle origini, della rivista nonviolenta fondata da don Tonino BelloMosaico di Pace


APPELLO AI GIORNALISTI/E

ROMPIAMO IL SILENZIO SULL'AFRICA

Scusatemi se mi rivolgo a voi in questa torrida estate, ma è la crescente sofferenza dei più poveri ed emarginati che mi spinge a farlo. Per questo come missionario uso la penna (anch’io appartengo alla vostra categoria) per far sentire il loro grido, un grido che trova sempre meno spazio nei mass-media italiani. Trovo infatti la maggior parte dei nostri media, sia cartacei che televisivi, così provinciali, così superficiali, così ben integrati nel mercato globale.So che i mass-media , purtroppo, sono nelle mani dei potenti gruppi economico-finanziari, per cui ognuno di voi ha ben poche possibilità di scrivere quello che vorrebbe. Non vi chiedo atti eroici, ma solo di tentare di far passare ogni giorno qualche notizia per aiutare il popolo italiano a capire i drammi che tanti popoli stanno vivendo.
Mi appello a voi giornalisti/e perché abbiate il coraggio di rompere l’omertà del silenzio mediatico che grava soprattutto sull’Africa. (Sono poche purtroppo le eccezioni in questo campo!)
E’ inaccettabile per me il silenzio sulla drammatica situazione nel Sud Sudan (il più giovane stato dell’Africa),
ingarbugliato in una paurosa guerra civile che ha già causato almeno trecentomila morti e milioni di persone in fuga.
E’ inaccettabile il silenzio sul Sudan, retto da un regime dittatoriale in guerra contro il popolo sui monti del Kordofan, i Nuba ,il popolo martire dell’Africa e contro le etnie del Darfur.
E’ inaccettabile il silenzio sulla Somalia in guerra civile da oltre trent’anni con milioni di rifugiati interni ed esterni.
E’ inaccettabile il silenzio sull’Eritrea, retta da uno dei regimi più oppressivi al mondo, con centinaia di migliaia di giovani in fuga verso l’Europa.
E’ inaccettabile il silenzio sul Centrafrica che continua ad essere dilaniato da una guerra civile che non sembra finire mai.
E’ inaccettabile il silenzio sulla grave situazione della zona saheliana dal Ciad al Mali dove i potenti gruppi jihadisti potrebbero costituirsi in un nuovo Califfato dell’Africa nera. 
E’ inaccettabile il silenzio sulla situazione caotica in Libia dov’è in atto uno scontro di tutti contro tutti, causato da quella nostra maledetta guerra contro Gheddafi.
E’ inaccettabile il silenzio su quanto avviene nel cuore dell’Africa , soprattutto in Congo, da dove arrivano i nostri minerali più preziosi.
E’ inaccettabile il silenzio su trenta milioni di persone a rischio fame in Etiopia, Somalia , Sud Sudan, nord del Kenya e attorno al Lago Ciad, la peggior crisi alimentare degli ultimi 50 anni secondo l’ONU.
E’ inaccettabile il silenzio sui cambiamenti climatici in Africa che rischia a fine secolo di avere tre quarti del suo territorio non abitabile.
E’ inaccettabile il silenzio sulla vendita italiana di armi pesanti e leggere a questi paesi che non fanno che incrementare guerre sempre più feroci da cui sono costretti a fuggire milioni di profughi. (Lo scorso anno l’Italia ha esportato armi per un valore di 14 miliardi di euro!!)
Non conoscendo tutto questo è chiaro che il popolo italiano non può capire perché così tanta gente stia fuggendo dalle loro terre rischiando la propria vita per arrivare da noi. Questo crea la paranoia dell’ ‘invasione’, furbescamente alimentata anche da partiti xenofobi. Questo forza i governi europei a tentare di bloccare i migranti provenienti dal continente nero con l’ Africa Compact , contratti fatti con i governi africani per bloccare i migranti Ma i disperati della storia nessuno li fermerà. Questa non è una questione emergenziale, ma strutturale al Sistema economico-finanziario. L’ONU si aspetta già entro il 2050 circa cinquanta milioni di profughi climatici solo dall’Africa. Ed ora i nostri politici gridano:”Aiutiamoli a casa loro”, dopo che per secoli li abbiamo saccheggiati e continuiamo a farlo con una politica economica che va a beneficio delle nostre banche e delle nostre imprese, dall’ENI a Finmeccanica.
E così ci troviamo con un Mare Nostrum che è diventato Cimiterium Nostrum dove sono naufragati decine di migliaia di profughi e con loro sta naufragando anche l’Europa come patria dei diritti.
Davanti a tutto questo non possiamo rimanere in silenzio. (I nostri nipoti non diranno forse quello che noi oggi diciamo dei nazisti?). Per questo vi prego di rompere questo silenzio- stampa sull’Africa, forzando i vostri media a parlarne. Per realizzare questo, non sarebbe possibile una lettera firmata da migliaia di voi da inviare alla Commissione di Sorveglianza della RAI e alle grandi testate nazionali? E se fosse proprio la Federazione Nazionale Stampa Italiana (FNSI) a fare questo gesto? Non potrebbe essere questo un’Africa Compact giornalistico, molto più utile al Continente che non i vari Trattati firmati dai governi per bloccare i migranti? Non possiamo rimanere in silenzio davanti a un‘altra Shoah che si sta svolgendo sotto i nostri occhi.
Diamoci tutti/e da fare perché si rompa questo maledetto silenzio sull’Africa.


Alex Zanotelli
Napoli, 17 luglio 2017

mercoledì 19 luglio 2017

- Nuovo stadio Benito Stirpe: Montaggio copertura tribune

La due struttura di 3.000 metri quadrati e del peso di 400 tonnellate... 




                                   
                                        ...saranno posate sopra i 4 pilastri in metallo...

















...si serviranno di due gigantesche gru (di cui esistono solo 15 esemplari in Italia) per sollevare le strutture da posare sui 4 pilastri.




I mezzi che le trasportano.....

























Il video di questa mattina....

I lavori di sollevamento si dovrebbero protrarre sino a sabato prossimo. Mentre la copertura della tribuna centrale sarà finita tra l'8 e il 9 di agosto.


Il montaggio della seconda trave di copertura della tribuna 21/07/2017
(vista dalla zona ASL)



Vista dal Bar Casaleno

lunedì 10 luglio 2017

- RIFIUTIAMOLI

La partecipazione al corteo di Colleferro contro i rifiuti e gli inceneritori, è stata al di sopra delle aspettative. Si stima che abbiano partecipato tra le 5.000 e le 6.000 persone...! Una manifestazione per dire che la Valle del Sacco è stanca di essere maltrattata a livello ambientale.

Lo striscione del Coordinamento Interprovinciale per l'ambiente e salute della Valle del Sacco e Bassa Valle del Liri






Grande partecipazione.....
https://www.facebook.com/media/set/?set=a.10213882691332150.1073741871.1554532236&type=1&l=008c56aee7








sabato 8 luglio 2017

- Riciclia = Riciclo e ricavo



"ATTENZIONE...!!!
Non è necessario far leggere la tessera sanitaria ma, terminate le operazioni di versamento materiali richiedere la stampa dello scontrino scegliendo il negozio nel quale si potranno scaricare sulla rispettiva tessera raccolta punti, i punti contenuti nello stesso"."ATTENZIONE...!!!
Non è necessario far leggere la tessera sanitaria ma, terminate le operazioni di versamento materiali richiedere la stampa dello scontrino scegliendo il negozio nel quale si potranno scaricare sulla rispettiva tessera raccolta punti, i punti contenuti nello stesso".

 

Di seguito la pagina su facebook
https://www.facebook.com/ricicliafrosinone/


ed il sito internet
http://www.riciclia.it/

************

OGGI 18/07/2017 PRIMO SCARICO E 25 PUNTI ACCUMULATI....

venerdì 30 giugno 2017

- INFERNO ACEA...

Facciamo un po di chiarezza e vediamo come sono andate le cose negli ultimi giorni....


Prima sentiamoci l'intervista del 26 giugno 2017 di Tanfuk a Mario Antonellis del Coordinamento Acqua Pubblica Frosinone (Da non perdere....)  



29 giugno Un buco all'acqua... servizio di Tanfuk
(Indispensabile...)

   


 29 giugno i comitati a confronto con il sindaco di Cassino
(Siamo sulla buona strada... finalmente)
di Gabriella Marandola



TANFUK
30 giugno 2017 Firma accordo tra sindaco di Cassino ed associazioni, compreso il Coordinamento Acqua Pubblica Frosinone (molto importante per proseguire con la cacciata di ACEA e nuova gestione pubblica del SII)





L'incontro con le associazioni si è concluso con questo "DOCUMENTO DI IMPEGNO TRA LE PARTI"


mercoledì 14 giugno 2017

- Piloni di via De Gasperi in pericolo

@@@@@

SERVONO INTERVENTI DI MESSA IN SICUREZZA SERI PRIMA DEL 20 festa del SANTO PATRONO... 

@@@@@



ATTENZIONE!!!! PARCHEGGIARE O CAMMINARE SOTTO I PILONI È PERICOLOSO (finché non metteranno in sicurezza la situazione evidenziata di seguito).

Le foto dicono tutto.
Denunciata la situazione alla polizia locale alle 18 e 50 di oggi, martedì 13 giugno 2017. 
Mi hanno assicurato interessamento anche dei VVF per sopralluogo congiunto col comune...

Staremo a vedere.

Ecco la situazione...
Guardate il cornicione nella seconda foto...

Massimiliano Toro (Socio dell'Associazione di Volontariato Frosinone Bella e Brutta)






- oltra 10 anni di storia:


***


***


***


***




Inviato mail di sollecito al comandante dei Vigili Donato e vice Tofani 15/06/2017




***






Penso siano futili i provvedimenti messi in atto per assicurare l'incolumità dei passanti, sopra e sotto....!!!!

@@@@@

L'architetto Elio Noce dirigente tecnico del comune ha risposto a L'Imchiesta (Luca Claretti).
[Cliccare Qui]

mercoledì 24 maggio 2017

- "Frosinone: Quale difesa per Aria - Acqua - Terra?", Assemblea Pubblica con candidati a sindaco a Cavoni

Da sinistra: Fernando Incitti, Nicola Ottaviani, Alessandro Redirossi, Luciano Bracaglia, Christian Bellincampi, Fabrizio Cristofari e Stefano Pizzutelli

Ho avvertito innanzitutto la necessità di fare chiarezza sull'invito.     
La mia precisione nell'organizzare le cose, (non per peccare di presunzione), è a dir poco maniacale e mi viene riconosciuta dai più che mi conoscono e stimano, oltre che essere radicata in me, in quanto nel lavoro che svolgevo in direzione regionale Lazio Telecom, mi occupavo essenzialmente di metodi di lavoro e procedure. Quindi, mi disturba non poco, se qualcuno mette in discussione il mio operato, come si è verificato in occasione dell'evento Assemblea Pubblica ai Cavoni di ieri sera, con i candidati a sindaco, tema: "Frosinone: Quale difesa per Aria - Acqua - Terra?"voluta dal Coordinamento Interprovinciale per Ambiente e Salute, del quale mi onoro di esserne il portavoce ed alla quale ha partecipato un numero inaspettato di cittadini, nonostante la stampa locale abbia dato poca visibilità all'evento.

Al partecipante che ha contestato l'inizio in ritardo, dicendo che erano le 20.40, mentre era prevista per le 20.00 (aveva fretta di lasciarci) e che ha lamentato che l'invito le era stato mandato solo 3 giorni prima (forse si riferiva alla telefonata alla segretaria, 3 giorni prima!),  senza voler accendere nessuna polemica ma solo per fare chiarezza con la corposa ed inaspettata platea presente e con il Coordinamento, preciso che ho inviato l'invito a tutti per mail, il 14 maggio, (in largo anticipo sul 23):





...e 2 giorni dopo tramite PEC al Comune, sia al sindaco che ai Vigili:




L'ho inoltre postato, sia sui profili Facebook di ognuno di loro che su Whatsapp e chiesto conferme a tutti, anche telefonicamente.


********

Torniamo all'evento....
Ora posto qualche foto, poi quando verrò in possesso della registrazione video che è in lavorazione, la pubblicherò.

La parte finale del video, ove ci sono le domande poste da alcuni cittadini agli aspiranti a sindaco presenti, potrà essere visionata anche dal sindaco Nicola Ottaviani che ci ha dovuto lasciare anzitempo, in quanto impegnato in un comizio altrove e si è impegnato a dare loro le risposte, come concordato prima che si allontanasse...

Cogliamo anche l'occasione per ricordare agli aspiranti che potranno farci pervenire, come già richiesto nell'assemblea, un documento con il quale stringono un patto, su quanto promesso in assemblea, con il Coordinamento e di conseguenza con i cittadini elettori.

Ricordiamo:

Gli SCOPI dell’INCONTRO
Come componenti del citato Coordinamento da anni rappresentiamo sul territorio un valido aiuto per tutti i cittadini onesti e desiderosi di giustizia, a difesa dell'ambiente e della salute pubblica.
Centrali turbogas, impianti a biomasse, fabbriche altamente inquinanti, centri di smaltimento di rifiuti pericolosi mascherati da depuratori, inceneritori di rifiuti tossici, discariche mai bonificate, antenne selvagge, il tema dell'acqua pubblica e la “sanità” sono solo alcuni dei temi discussi dalle realtà cittadine e provinciali di volontariato, si tratti di associazioni, come di comitati o semplici cittadini. 
Con il Coordinamento ci prefiggiamo di continuare ad essere sentinelle ed organismi liberi di protesta e denuncia sociale contro ogni sopruso ed abuso perpetrato ai danni delle comunità della Provincia di Frosinone e non solo. Siamo aperti ad accogliere l’adesione di nuovi soggetti e/o associazioni che desiderino schierarsi insieme a noi a difesa dell’ambiente.

COSA CHIEDIAMO
Ai sei aspiranti alla carica di Sindaco, che tra due settimane diverranno rispettivamente sindaco e consiglieri di opposizione presso l’assise comunale? Chiediamo di assumere, nei confronti del Coordinamento e di tutti gli elettori e cittadini frusinati, un impegno morale, (se vorranno potranno farci pervenire anche una sorta di impegno scritto*), su quelle che saranno, nei 5 anni di consiliatura, le questioni decisive in tema di ambiente e salute per la città, specificando modi, tempi e fonti ove attingere le coperture finanziarie per le azioni da mettere in campo sui temi che il moderatore Alessandro Redirossi, giornalista de Il Messaggero, esporrà tra poco. 
Grazie a tutti i presenti ed ai candidati che hanno accolto il nostro invito. Grazie Alessandro per la disponibilità offerta come moderatore.


*) coordinterprov@gmail.com










[VIDEO IN LAVORAZIONE]



********

Di seguito i video divisi nei tre argomenti
Aria - Acqua - Terra - Domande dei cittadini



 "ARIA"
 



 "ACQUA"
 




 "TERRA"




 "DOMANDE DEI CITTADINI"

***