Frosinone BRUTTA (251) Frosinone BELLA (220) PM10 (68) ACEA ATO5 (52) ANNUNCI IMPORTANTI (37) Ambiente ed inquinamento (32) Terme Romane (32) “RR” - Risolti (24) Il fiume Cosa (21) Sanità (17) #BASTACEA (14) Villa Comunale (14) Frosinone Calcio (11) Frosinone Bella e Brutta (10) Progetto Acqua comune (10) Comunicazioni Ass. FR BeB (8) Proposte (8) Mobilità sostenibile (7) Acqua (6) Pedalata Ecologica (6) Piedibus (6) Piste Ciclabili (6) Rotatorie (6) Associazione Medici di Famiglia per l'Ambiente (5) Cavoni 2 (5) FRANE (5) La Radeca (5) La Uespa (5) Raccontando (5) Via Casone (5) Discarica (4) Salviamo il paesaggio a Frosinone (4) Via Don Minzoni (4) Albero della Pace (3) Cavoni (3) Chiesa Madonna della Cercia (3) Tombe Allagate (3) WI-FI (3) Alberi (2) Archeologia (2) CANI (2) Carnevale (2) Cartoline di Frosinone (2) Cittadino Volsco (2) Coordinamento Interprovinciale (2) Differenziata (2) GASP (2) I Piloni (2) Incendi (2) Interporto (2) Multiservizi (2) Nordic Walking (2) Registro Tumori (2) Registro dei tumori (2) TARI (2) Uiente aculone (2) ambiente (2) senzatetto (2) ARPA LAZIO (1) ASL (1) ASSEMBLEA ASPIRANTI SINDACO (1) AVIS (1) Africa (1) Albo Pretorio Comune Frosinone (1) Alex Zanotelli (1) Arquata del Tronto (1) Auguri (1) Ballarò (1) Biomasse (1) Bookcrossing (1) Buon Natale (1) CODACONS (1) COTRAL (1) Clochard (1) Consigli Comunali (1) Critical mass (1) DOSSIER (1) Decoro Urbano (1) Derby (1) Dissuasori (1) EMERGENZA NEVE (1) FAI - I Luoghi del Cuore: Certosa di Trisulti (1) Farmacia di turno (1) Formaggio (1) Frosinone che vorrei (1) Fuochi (1) Gioia Spaziani (1) Inceneritori (1) Incontro Associazione (1) Luciano Sperati (1) Marina Arduini (1) Matteo Battisti (1) Morganti (1) Museo (1) NOTIZIE DA DIFFONDERE (1) Nefandezze (1) Nuova Piazza M. della Neve (1) Nuovi Ambiti di Bacino (1) Orti (1) PETIZIONE online (1) Pesicidi (1) Petizione (1) Piante anti smog (1) Piante curative (1) Premio Cocco (1) RIFIUTI (1) Raccolta fondi (1) Raeeporter (1) Recita a Cavoni (1) Riciclo (1) Risarcimento (1) Rischio sismico (1) SIN Valle del Sacco (1) SegnalACI (1) Stadio Benito Stirpe (1) TARES (1) TRUFFE (1) Tecchiena Bella (1) Tensostatico (1) Terremotati (1) Tesori abbandonati (1) VOTA il BLOG (1) Valerio nel cuore (1) Vittime della strada (1) amici (1)

mercoledì 21 novembre 2012

- Invito alla mobilitazione per Frosinone Capoluogo



In questi giorni qualche organo di stampa locale ha definito “iniziative parallele” quelle tra la Consulta delle Associazioni e Comitati Civici, contro il decreto per la soppressione delle province.  È invece da sottolineare che la Consulta e le Associazioni appartenenti al gruppo “Frosinone che Vorrei”, hanno espresso da sempre la volontà di costruire insieme ed unitariamente ogni evento, ivi compresa una giornata di mobilitazione. Purtroppo, noi delle Associazioni, pur partecipando alla conferenza stampa di un Comitato Civico che sta operando nella stessa direzione, non abbiamo beneficiato, inspiegabilmente, della possibilità di esprimere una nostra proposta. Vogliamo augurarci che lunedì 26 corrente mese, alle ore 17.30, nel corso dell'incontro, “aperto a tutti”, organizzato appunto dalla Consulta delle Associazioni, presso la saletta Gualdini, si possa recuperare un percorso unitario, con una proposta unitaria, autonoma e lontana da ogni strumentalizzazione politica.

>>>>>>@<<<<<<

Nota con invito inviata a tutti i sindaci della provincia e resa pubblica, per l'incontro del 26/11/2012 c/o la Saletta
La  classe dirigente della Ciociaria e del Cassinate sembra non essere affatto interessata dalle pesanti e drammatiche  ripercussioni  che si  abbatteranno sul nostro territorio a  seguito dell’accorpamento delle province di Frosinone e Latina ed alla perdita del ruolo di capoluogo della nostra Città.  
Finora si è levata qualche voce e si è promosso qualche incontro di vertice con coloro che, responsabili del quadro di desolazione e di degrado  che hanno determinato con il loro operare, dovrebbero diventare, oggi, strenui difensori del nostro territorio ed opporsi alle decisioni ed ai comportamenti dei loro partiti e dei  loro gruppi parlamentari. Perché i nostri rappresentanti al Parlamento europeo, al Parlamento nazionale  ed al Consiglio regionale del Lazio non si sono attivati prima presentando emendamenti e proposte di revisione?
Perché da parte del Presidente della Provincia e del Sindaco del Capoluogo, unitamente a tutti i sindaci,  non si è promossa un’azione capillare d’informazione dell’opinione pubblica e dei cittadini? 
Le poche voci levatesi sembrano abbaiare alla luna. Mancano  proposte precise concordate e condivise di tutte le espressioni organizzate della nostra vita sociale  per cercare di tentare un recupero all’ultimo momento.
NON SI  E’ CERCATO DI COSTRUIRE L’UNITA’ TRA CITTADINI E ISTITUZIONI  PER DARE FORZA E SOSTEGNO AD UNA GIUSTA  RIVENDICAZIONE.

Fino ad oggi dei 91  consigli comunali si è riunito solo quello di Ceccano per dire la propria su questi temi, per votare un documento che potesse  rappresentare  la protesta,  la rabbia e la volontà di cambiamento tanto auspicato dai cittadini,  per incalzare il governo, i gruppi parlamentari ed  i partiti che sorreggono la maggioranza di governo.
Non hanno fatto sentire la loro voce:

- I consigli comunali dei grandi centri della provincia ( Veroli-M.S.Giovanni Campano-Isola Liri-Sora- Atina-Cassino-Pontecorvo- Ceprano-Ferentino-Anagni-Alatri-Fiuggi, ); - le Comunità montane; la Camera del commercio; - Il Consorzio ASI gli ordini professionali: (avvocati, ingegneri, medici, commercialisti e consulenti, ) le rappresentanze sindacali dei luoghi di lavoro pubblici e privati; - le organizzazioni sindacali dei lavoratori dipendenti;  - le organizzazioni imprenditoriali ( industriali, commercianti, artigiani, agricoltori).
Perchè tutto questo silenzio, nonostante intorno a noi,  oltre alla desolazione ed al degrado  ambientale, sociale ed economico, dilagano l’illegalità e la  corruzione, la  povertà e la disoccupazione?
La perdita del capoluogo ci farebbe  sprofondare nel baratro e renderebbe molto più difficile la possibilità di ripresa e di rilancio del territorio,  di ricostruzione di una economia e di una organizzazione sociale  che partendo dalle ricchezze e dalle risorse locali potrebbe garantire  maggiori prospettive occupazionali e di sviluppo.
Per questi motivi e per altri si ritiene necessario dover dare una risposta forte, immediata, unitaria e condivisa che esprima la volontà di tutta la popolazione, per far rientrare decisioni scellerate e per porre le premesse per aprire una vertenza con il Governo e con la Regione Lazio. Le prossime, vicine elezioni potrebbero essere un importante momento di confronto e di elaborazione progettuale.
E’, però, indispensabile e decisivo che  i sindaci cambino atteggiamento svolgendo a pieno il ruolo e  il potere  loro conferito nell’interesse della collettività.
Essi non possono stare zitti quando si chiudono gli uffici postali com’è accaduto in questi giorni. Essi non possono far finta di niente quando il Tar condanna l’Acea ATO5 s.p.a. a rimborsare gli utenti per il costo della depurazione versato e non dovuto. Essi non possono essere spettatori quando si chiude il PRONTO  SOCCORSO di Anagni, quando si sopprimono ospedali, reparti e posti letto e si riduce la sanità alla precarietà.
Il protagonismo dei sindaci, delle associazioni e dei cittadini costituisce  la chiave di volta decisi per progettare e realizzare la rinascita di questa nostra  terra troppo maltrattata e vituperata proprio da chi la dovrebbe amare e difendere.
Una risposta forte si può e si deve dare subito, prima che si pronunci il Tar.
Si propone, perciò, una GIORNATA DI MOBILITAZIONE con la presenza di  tutti i consigli comunali convocati a Frosinone, in seduta straordinaria, insieme al Consiglio provinciale, con la partecipazione delle associazioni di ogni tipo, di delegazioni di ogni luogo di lavoro pubblico e privato, degli Ordini professionali, dei sindacati tutti ( Imprenditori e lavoratori dipendenti), dei Consigli d’Istituto e degli studenti di ogni ordine e grado.
Per approfondire le tematiche esposte e per decidere insieme il giorno e le modalità della organizzazione e dello svolgimento della manifestazione è convocato un incontro, aperto a tutti, presso la SALETTA  “Gualdini”, Viale   Giacomo Matteotti, alle ore 17,30 di lunedì 26 novembre.
Sono invitati a partecipare  tutti i soggetti menzionati in questo documento, le associazioni, i comitati, i cittadini.
Firmato
Francesco Notarcola  a nome della Consulta della Città di Frosinone e delle associazioni aderenti al Gruppo “Frosinone che vorrei”.

Rassegna stampa post incontro del 26

da l'Opinione del 27/11/2012

da Il Messaggero del 27/11/2012

Alcune foto dell'incontro promosso dalle Associazioni



 


















Servizio di Lazio Tv del 27/11/2012

 
Il prossimo incontro, c/o la SALETTA  “Gualdini”, Viale   Giacomo Matteotti, è previsto per le ore 17.00 di lunedì 03/12/2012.
Siete tutti invitati.
 

Comunicato stampa del 28.11.12
All’incontro del 26 c. m., “Giornata di Mobilitazione Unitaria”, tenuto presso la “Saletta” di Viale Giacomo Matteotti a Frosinone, hanno partecipato i rappresentanti di: - Associazione Frosinone Bella e Brutta, - Società operaia di mutuo soccorso, - Frosinone 2020, - Osservatorio Peppino Impastato, - Associazione Italiana Pazienti Anticoagulati, - Associazione Porta a Porta, - Viribus Unitis Frosinone Provincia, - Il Ponte, - AGSPA, - Legambiente, - Comitato di Quartiere Amici della Pescara, - Associazione Rione Giardino. Inoltre erano presenti l’assessore all’urbanistica Mariani del Comune di Ferentino, Domenico Belli di Sel ed il cittadino Ettore Ferrara. Dopo un’ampia ed approfondita discussione alla quale hanno dato il loro contributo tutti i presenti, si è concordato all’unanimità che è necessaria una risposta forte ed unitaria, pertanto, si è deciso di indire un nuovo incontro per lunedì 3 dicembre, alle ore 17, sempre nella Saletta Gualdini di Viale Giacomo Matteotti – Frosinone, al quale saranno invitati tutti i Comitati e le Associazioni del Capoluogo, per concordare insieme, una giornata di grande mobilitazione, da effettuare in tempi molto brevi, prima che il decreto rischi di essere tramutato in legge. Sempre più convinti e decisi ad andare avanti, insieme a tutti coloro che sentono veramente questo delicato e vitale problema. - I partecipanti hanno espresso rammarico e disappunto per l’assenza dei sindaci, in primis del sindaco del capoluogo e del Presidente della Provincia. - Non si capisce perché, in un momento come questo, non si possa costruire un raccordo solido e significativo tra le istituzioni, le associazioni ed i cittadini, esattamente come quando si chiedono i voti per essere eletti. - Questo raccordo è valido solo per le elezioni? - Ci auguriamo che al prossimo incontro di lunedì 3 dicembre si possa colmare questa incomprensibile lacuna.
Francesco Notarcola, a nome dei partecipanti, della Consulta delle associazioni e del Gruppo “Frosinone che vorrei”.

Nessun commento:

Posta un commento

Non sono accettati commenti come "ANONIMO" senza nome e cognome.
Il moderatore, non li pubblicherà. GRAZIE.